Collegio sindacale
◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗◗

   COLLEGIO SINDACALE NELLE SOCIETA'
E NEGLI ENTI PUBBLICI E PRIVATI

 

Il Collegio sindacale è l'organismo preposto al controllo legale dei conti sociali:

  • per accertare la regolare tenuta della contabilità;
  • per accertare la corrispondenza del Bilancio alle risultanze dei libri e delle scritture contabili;
  • per accertare l'osservanza delle norme per la valutazione del patrimonio sociale;
  • per accertare almeno ogni trimestre la consistenza di cassa e l'esistenza dei valori e dei titoli di proprietà sociale, o ricevuti in pegno, cauzione o custodia;
    - al controllo sull'amministrazione della Società;
    - ai controlli sul Bilancio di esercizio e sul Bilancio consolidato di gruppo;
    - al controllo sulle operazioni sociali straordinarie;
    - al controllo degli adempimenti tributari, previdenziali ed assistenziali:
    - alla vigilanza circa l'osservanza delle Leggi generali e speciali e delle norme statutarie.
    Inoltre, il Collegio sindacale deve partecipare alle riunioni degli organi sociali ed indagare sui fatti denunziati dai soci.

Infine, il Collegio sindacale deve redigere una relazione accompagnatoria al Bilancio di esercizio e, sia in questa sede, sia in sede di controlli periodici, proporre ed indicare comportamenti idonei al regolare funzionamento della Società, degli organi sociali e dell'amministrazione.

E' obbligatoria l'istituzione del Collegio sindacale nelle società di capitale, quando:

  • siano costituite nella forma giuridica di Società per azioni;
  • siano costituite nella forma giuridica di Società in accomandita per azioni;
  • siano costituite imprese Cooperative e Mutue assicuratrici;
  • siano costituite nella forma giuridica di Società a responsabilità limitata con capitale sociale superiore a € 120.000,00. L'obbligo coinvolge tutte le società che aumentano il capitale sociale. In questo ultimo caso, è opportuno procedere alla nomina dei sindaci contestualmente alla delibera assembleare che eleva il capitale sociale. A seguito dell'innalzamento del limite del capitale a 120mila euro, in vigore dal 1° gennaio 2004, si potrà eventualmente non prevedere più la presenza del collegio sindacale in tutte le società a responsabilità limitata (per le quali attualmente l'organo di controllo è obbligatorio) il cui capitale sociale ecceda i 103.291 euro ma non i 120mila, a patto evidentemente che la società non superi i limiti di fatturato, di attivo di bilancio e di dipendenti previsti dall'articolo 2435-bis del codice civile

         1- totale dell'attivo di stato patrimoniale, 3.125.000 euro
         2 -ricavi delle vendite e delle prestazioni, 6.250.000 euro
         3 -dipendenti occupati in media durante l'esercizio, 50 unità.

La nomina del Collegio sindacale ed il numero dei membri, devono essere previsti nell'Atto costitutivo.

Gli articoli del codice civile di riferimento: artt. 2397-2409, 2426, 2435-bis 2464 e 2488;

Il Collegio sindacale nelle Società di capitale, deve essere composto da un numero di tre o cinque membri, oltre a due Sindaci supplenti, nominati dall'assemblea dei soci che ne elegge anche il Presidente.

Tutti i membri del Collegio sindacale devono essere scelti tra soggetti persone fisiche, soci e non soci, che possiedano precisi requisiti di Legge:

  • soggetti iscritti nel Registro dei Revisori contabili di cui al D. Lgs. 27/01/1992 n. 88 e successive modificazioni ed integrazioni tenuto presso il Ministero di Grazia e Giustizia; il soggetto nominato deve indicare altresì il Decreto Ministeriale di nomina e la Gazzetta Ufficiale in cui è stata pubblicata la propria iscrizione all'Albo dei Revisori contabili, od almeno dichiarare di possedere i requisiti richiesti dalla Legge 30/07/1998 n. 266;
  • soggetti al cui carico non sussista alcuna tra le cause di ineleggibilità o decadenza di cui agli artt. 2382, 2397 e 2399 del codice civile; di tale circostanza il soggetto nominato deve rendere dichiarazione;
  • soggetti che presentino i requisiti dell'indipendenza e dell'onorabilità.